Passa ai contenuti principali

Storie con morale

Storie con morale per riflettere ispirate da fatti realmente accaduti di Alessandro Ghebreigziabiher, scrittore, drammaturgo, narratore, attore e regista teatrale.


Temi: storie con morale per bambini, storie con morale sulla fiducia, storie con morale per ragazzi, storie con morale sull'amicizia, storie con morale per adulti, storie con morale sull'amore, storie con morale 2018, storie con morale 2017, storie per riflettere con morale, racconti per riflettere su Facebook, storie per pensare
 

Soluzione al problema Italia

La favola di sinistra e destra

Leader populista

Comunità di recupero

Cent'anni di speranze

Il tempo delle scuse

Avatar per tutto

Vietato guardare

La guerra fredda oggi

Social

Perché vinceremo

L'ignoranza è un bene

Io sono umano

Cari alieni

Mi piace pensare

Democrazia del razzismo

Ascoltami

Il populista e il dittatore

Animali e piante a rischio: parola all'uomo "onesto"...

Cosa abbiamo imparato

Quando si parla di te

Il passeggero

Nessuno è mai stato un colore

Io sono diverso

Quando i poveri ci vedono

Solo tra i simili

Non credeteci

Non in vendita

Io faccio strada

Grazie mister presidente

Spegniamo tutto

Senza parole

Reato umanitario per tutti

Vietato sorridere

Tema: cosa sono i virus?

Storie di eroi dal lato giusto della Storia sbagliata

Mi chiedete troppo

Cosa abbiamo sbagliato?

Blackout

Compriamo e vendiamo odio

Le parole della città

Il selfie dell'orango

Quando le farfalle se ne vanno

Dei vari G e le proteste

La filastrocca delle armi

La vendetta dell'orso Grizzly

Partiti in anticipo: tutte le scuse
 
Ultimatum

L'aveva detto
La bambina che non cresce mai

Nato senza gambe e un braccio

L'immigrazione spiegata ai bambini

La profezia di Piero

Il peso del tempo

Animali misti

La rivoluzione del sorriso

Il resto di noi

Le materie della scuola che c’è


Noi e loro

Riscaldamento globale: il contratto

Cina città chiusa per smog: il tema di Yimou

Il dono della lavatrice

L'importanza delle conseguenze

Guardami


Storia sull'albero del Natale futuro

Neve a Roma

Libertà di espressione spiegata agli alieni

Voltati

Io contro il fuoco

L'esempio del castoro

Il compleanno di Europa

Io vedo di più

Il paese del non detto

Il popolo che spinge

La lingua fantastica

Commenti

Post popolari in questo blog

Campionato del mondo dei giovani calciatori della Thailandia

C’era una volta un campionato del mondo.
Un altro.
Dove se si perde, fa notizia, e non è mai un bel leggere, tantomeno vedere.
Al contempo, allorché si sopravviva al fischio conclusivo, non ci saranno autografi sulla maglia e foto con dedica.
Nondimeno, questo non vuol dire che non si urlerà di gioia, con la coppa chiamata vita stretta tra le mani.
Sullo schermo, ovvero nella grotta, va ora in scena la finale.
Nel suo drammaticamente allungato tempo supplementare.
Perché il destino del nostro pianeta è un arbitro talvolta crudele e sembra quasi provar gusto nel trovare ogni pretesto per posticipare la strada per la benedetta doccia, dove lavar via le contusioni del vivere difficile.
Nel mentre, là sotto, al buio, si combatte contro il solito nemico.
Il tempo.
Correte quindi, lancette, siate magnanime, per una volta.
Bruciate via le ore come se fossero minuti travestiti da secondi.
Sicché in dodici, insieme al loro prode allenatore, ne meritano ancora tanti da giocare…

Leggi anche Stori…

Storie per riflettere sulle armi

Immaginiamo che io avessi un’arma.
E che lo ritenessi un sacrosanto diritto, averla.
Quindi l’avrei.
Ma non è che l’avrei per quello, eh?
Il quindi è retorico.
Io avrei un’arma, e l’avrei perché mi piacerebbe averla.
Mi piacerebbe averla perché saprei.
Saprei che, qualora volessi, e laddove potessi usarla, la userei.
Da cui, solo per questa pagina, io ho un’arma e so che può far male.
Io posso far male anche senza, se è per questo.
E lei potrebbe farlo anche senza me.
Come la mettiamo?
Come la mettiamo in caso lui ce l’avesse e io no?
Io ho un’arma e ho diritto a difendermi.
Da lui.

Leggi il resto

Memoria dei diritti umani

C’era una volta la memoria.
Quella personale, ancor prima di quella collettiva.
Di chi dice o fa cosa, non per conto di chi o in nome di qualsivoglia governo.
C’era una volta, quindi, Nikki Haley, ambasciatrice USA alle Nazioni Unite.
C’era una volta, altresì, l’annuncio di quest’ultima che sancisce l’uscita degli Stati Uniti dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC).
C’era una volta, ancora, Nikki Haley, che giustifica la scelta del suo paese accusando il suddetto Consiglio di agire quale protettore di coloro che abusano dei diritti umani, ignorando le atrocità che hanno luogo altrove.
Di nuovo, perciò, c’era una volta Nikki Haley, ovvero un tempo Nimrata Nikki Randhawa,
figlia di una famiglia di immigrati indiani.
C’era una volta qualcuno che dovrebbe chiedere ai propri genitori cosa volesse dire arrivare in America da immigrati, per giunta con una carnagione tutt’altro che favorevole.
C’era una volta, di conseguenza, chi non può ignorare il razzismo e l’intolleranza di …