Storie con morale a scuola

Dopo un tempo quasi teatrale il giovane dalla chioma vermiglia, portatrice di uno spettinamento ancora memore dell’impronta del cuscino, aveva raggiunto il proscenio scolastico e seppur con il foglio preda del tremore delle dita aveva letto con voce salda la storia di sé.
“Mi piacciono i tavoli, mi sono sempre piaciuti. Sulle pareti della mia camera non ci sono cantanti o calciatori ma solo poster di tavoli di tutte le forme e i materiali possibili, quattro gambe, tre, e perfino due, sfidando ogni vincolo gravitazionale.
Sono un musicista, ma non ho la chitarra, come mia sorella, che è brava, ma è stonata.
Suono la finestra e me la cavo assai. Se volete vi spiego: soprattutto quando piove, così ho un accompagnamento gratuito, appoggio gli avambracci al vetro e ticchetto quest’ultimo con i polpastrelli, avvalendomi di un innato senso del ritmo, senza falsa modestia. Se grandina scivolo sull’hard rock, ma solo laddove sia d’umore particolarmente nero.
Vado a letto ogni sera subito dopo cena e mi sveglio tutte le notti alle quattro in punto sin da quando avevo sei anni.
Sei appena compiuti.
Tre e cinquantotto, cinquantanove e... via, in piedi.

Leggi il resto

Commenti

Alessandro GhebreigziabiherStorie con morale, per riflettere di Alessandro Ghebreigziabiher, scrittore, attore e regista teatrale.

Temi: storie che fanno pensare, favole per adulti con morale, brevi racconti significativi, storie che insegnano, storielle divertenti con morale, storie con morale amicizia, storie con morale sulla fiducia, favole brevissime, storie con morale sull'amore, storie per riflettere sull'amicizia, storie per riflettere sulla famiglia, storie per riflettere sull'amore, brevi racconti significativi, storie che insegnano, storie per riflettere per bambini, storie per l'anima
© 2018 Alessandro Ghebreigziabiher